FUND BUYER: NON VI E' CONSENSUS SUGLI EFFETTI DELLA VOLATILITA' Natixis Im: la maggioranza degli investitori si sta rivolgendo alla gestione attiva
26/04/2018 L'Esperto dice...

Natixis Investment Managers ha pubblicato l’edizione 2018 dell’indagine condotta tra  200 fund buyer a livello internazionale, responsabili della selezione dei fondi all’interno di private bank, assicurazioni, fondi di fondi e altre piattaforme retail. Se alcuni investitori si sono fatti sorprendere dalle turbolenze dei mercati all’inizio del 2018, i fund buyer si attendevano da tempo un aumento della volatilità. Quasi otto fund buyer su dieci (78%) affermano di essere rimasti sorpresi dal fatto che la volatilità sia rimasta a livelli bassi così a lungo e circa la metà di loro (49%) cita tra le principali preoccupazioni per il 2018 proprio l’incremento di volatilità sui prezzi degli asset. Tuttavia, gli intervistati non sono concordi sull’impatto della volatilità sui loro portafogli, con il 39% che vede l’aumento della volatilità come un rischio, mentre il 38% si attende un effetto positivo sulle performance. Dall’indagine affiora, inoltre, che i fund buyer preferiscono ricorrere alla gestione attiva e, poiché il 78% degli investitori individuali a livello globale vuole che i loro investimenti siano allineati ai loro valori personali, i professionisti stanno iniziando a guardare i benefici degli investimenti ESG sia in termini di dell’alpha che di gestione del rischio.

"La divergenza di opinioni sull’impatto che la volatilità avrà sui portafogli può essere interpretato in due modi”, ha affermato Matthew Shafer, Head of Wholesale di Natixis Investment Managers. "Il giudizio negativo deriva probabilmente dal fatto che dopo un lungo periodo di crescita solida, siamo in attesa di una correzione che riporterà i prezzi a livelli più normali. Tuttavia, guardando al lato positivo, l’incremento della volatilità potrebbe rivelarsi un segnale di elevata dispersione dei ritorni e quindi un maggiore potenziale per la generazione di alpha. È interessante evidenziare che, qualunque sia l’interpretazione, la maggioranza dei fund buyer si sta rivolgendo alla gestione attiva per diversificare i propri portafogli, mitigare il rischio e incrementare i ritorni".

Modellare le strategie di portafoglio sulla base di una nuova realtà

I fund buyer possono anche non concordare sull’impatto della volatilità sui loro portafogli, ma oltre otto intervistati su 10 (82%) sono convinti che, se le strategie di investimento saranno modellate per soddisfare una nuova realtà di mercato, il loro target di ritorno medio dell’8,4% sia realisticamente ottenibile nel 2018. Tra le strategie più popolari utilizzate dai fund buyer per gestire il rischio vi sono la diversificazione del portafoglio (91%), il risk budgeting (80%) e l’incremento nell’utilizzo degli alternativi (75%). Due professionisti su dieci (42%) affermano che gestiranno la duration per mitigare le principali perdite dei portafogli obbligazionari. Tuttavia, tre fund buyer su dieci (62%) dichiarano che il reddito fisso non ricoprirà il tradizionale ruolo di gestione del rischio ancora a lungo, con il 20% dei professionisti che aumenterà il ricorso a investimenti alternativi e il 18% che ha ridotto l’esposizione complessiva all’obbligazionario.

"I risultati dell’indagine suggeriscono che i fund buyer abbiano maggiori probabilità di effettuare spostamenti direzionali, piuttosto che effettuare cambiamenti nell’allocazione wholesale. Sul comparto obbligazionario cercheranno di ridurre la duration e implementare gli investimenti alternativi per aumentare il reddito", ha spiegato Antonio Bottillo, Managing Director di Natixis Investment Managers in Italia, che poi ha continuato: "Sull’azionario, stiamo vedendo una preferenza verso i titoli europei e quelli dei Paesi emergenti. In termini di investimenti alternativi, i professionisti si stanno rivolgendo al private equity per generare alpha e gestire la volatilità con coperture e managed futures. I fund buyer ritengono che nel lungo termine il valore possa essere generato da una gestione attiva implementata attraverso un’ampia gamma di strategie".

ESG: un differente valore di investimento

I fund buyer vedono un’opportunità anche nell’ambito ESG, così da rispondere alle preferenze del 78% degli investitori individuali in tutto il mondo, i quali affermano di volere che i loro investimenti siano allineati ai loro valori personali, e del 72% di investitori che afferma di volere che i propri investimenti siano socialmente responsabili (Natixis Investment Managers, Global Survey of Individual Investors realizzata da CoreData Research, febbraio/marzo 2017. L’indagine ha coinvolto 8.300 investitori in 26 Paesi). Tuttavia, i fund buyer riportano che gli ESG potrebbero non ottenere il riconoscimento che meritano e solo quattro professionisti su dieci (40%) dichiarano che i fattori ESG sono integrati nei processi di investimento delle loro società. Alcuni degli ostacoli percepiti che impediscono l’implementazione degli ESG sono la mancanza di trasparenza (42%), i conflitti tra i rendimenti a breve termine e gli obiettivi di sostenibilità a lungo termine e il potenziale impatto ambientale (Green washing indica la pratica delle società che vendono investimenti sotto l’egida ESG, ma che non integrano totalmente i fattori ESG e la sostenibilità nei loro approcci di investimento) di società che vendono investimenti come fossero ESG ma che non rispettano gli standard (37%).

Implementazione di investimenti alternativi

I fund buyer stanno cercando in modo crescente di diversificare il rischio di portafoglio e il 70% crede che sia fondamentale utilizzare gli investimenti alternativi a tal fine: tre su cinque (65%) credono che le asset class tradizionali sono troppo correlate per essere identificate come fonti distintive di rendimento; un range di strategie alternative può aiutare a diversificare ulteriormente il portafoglio, con il 52% che si rivolge ai Managed futures, quasi la metà dei professionisti (47%) guarda alle commodities, il 44% alle strategie Global macro, il 43% alle infrastrutture, il 38% al private equity; anticipando la maggiore volatilità dei mercati, la metà dei fund buyer interpellati (51%) ha indicato il potenziale delle strategie azionarie con copertura per assorbire gli shock dei mercati, mentre il 36% ha affermato che le strategie managed futures sono adatte a un contesto di mercato sempre più volatile.

Le strategie alternative non sono comunque utilizzate soltanto per diversificare i portafogli. Oltre un terzo dei fund buyer vede negli investimenti alternativi uno strumento efficace per generare alpha: quasi tre su cinque (58%) riferiscono che per la generazione di rendimento la loro organizzazione utilizza sempre più spesso strategie alternative in sostituzione del reddito fisso, con una netta preferenza per il settore immobiliare (52%); quattro su dieci ritengono che le infrastrutture siano adatte a conseguire gli obiettivi di rendimento, mentre più di un terzo (35%) considera il private debt un efficace veicolo di generazione di performance; oltre la metà (58%) ha individuato nel private equity una strategia efficace per generare rendimenti più elevati, mentre un terzo (31%) ha evidenziato anche il private debt.

© 2018 Mondo Alternative - Riproduzione riservata
CERCA NOTIZIE
L'esperto dice Cerca nel titolo,nel testo o fra gli autori Criteri di ricerca Tutte le parole Qualunque parola Frase esatta
REPORT
N. 176
Giugno
2018
MONDOINVESTOR
VERSIONE ITALIANA

MondoInvestor è un mensile in abbonamento che prevede 11 numeri all’anno e racconta l’evoluzione del mercato dell'asset management per gli investitori professionali
N. 59
April
2018
MONDOINVESTOR
VERSIONE INGLESE


MondoInvestor is the quarterly publication entirely dedicated to alternative investments
Alternative UCITS Fund
4th Quarter 2017 Update

ALTERNATIVE UCITS FUND

Il Report sintetizza l’andamento trimestrale del mercato dei fondi UCITS ed è scaricabile gratuitamente sull'area di download per tutti gli abbonati al sito.



Il Report Fondi Liquid Alternative
IL REPORT FONDI LIQUID ALTERNATIVE

Il Report offre una fotografia sui fondi Liquid Alternative.


ARE YOU A
HEDGE FUND
MANAGER?


Do you want to add/ remove your hedge fund
to / from our database?

Please click here
to learn how

Le foto riprodotte in questo sito provengono in prevalenza da Internet e sono pertanto ritenute di dominio pubblico. Gli autori delle immagini o i soggetti coinvolti possono in ogni momento chiederne la rimozione, scrivendo al seguente indirizzo di posta elettronica info@mondoinvestor.com
copyright 2004- 2018 - MondoInvestor S.r.l. - Via Vittor Pisani, 22 - 20124 - Milano
Cap.Soc. €100.000 i.v.- Milano Reg.Imp.N° 13228870153 REA N° 1631083 - C.F. e P.I.13228870153