QUATTRO TENDENZE E FENOMENI PER IL LUNGO TERMINE I migliori trend per diversificare i propri portafogli secondo GAM Investments
09/11/2022 L'Esperto dice...
"Ricorderemo il 2022 come l’anno della stretta monetaria più violenta dai tempi di Paul Volcker, un movimento sismico che si propaga a tutte le asset class e non ne siamo ancora fuori, l’ondata dei rialzi non è terminata". Secondo GAM Investments, tuttavia, "al contempo la cautela con cui muoversi in un contesto difficile non necessariamente significa rassegnazione: diversificazione e orizzonte temporale sono le due colonne che reggono saldamente l’arcata dei portafogli diversificati con intelligenza". Tra le varie pietre che formano l’arco della diversificazione, GAM ha individuato quattro tendenze e fenomeni destinati a perdurare oltre una fase così complessa come quella attuale.
Riccardo Cervellin, Amministratore Delegato di GAM (Italia) Sgr ha commentato: “A nostro avviso, sono quattro le tendenze e i fenomeni che, in questo contesto, possono aiutare gli investitori a diversificare il portafoglio in un’ottica di lungo periodo. Basti pensare a un settore come quello del lusso: l’ultima Fashion Week di Milano ha rammentato la forza della moda e, soprattutto, del lusso, sorretto dal naturale desiderio di possesso e dalle dinamiche demografiche nei Paesi emergenti. Poi vi sono le straordinarie potenzialità dell’avanzamento digitale e dell’AI. E le evoluzioni sia in Cina che in Europa, che sono da guardare e analizzare attentamente, in cui ravvisiamo opportunità interessanti attraverso un’attenta gestione attiva”.
Swetha Ramachandran, Investment Director, Luxury Brands Equities di GAM, è intervenuta sul ruolo del settore del lusso in un contesto inflattivo come quello attuale nonché sui trend della digitalizzazione e le nuove abitudini dei consumatori: “Il settore del lusso viene considerato dai consumatori come una copertura contro l'inflazione, il che, a sua volta, ne alimenta l'attrattiva in termini di investimento. Il settore beneficia di un potere di determinazione dei prezzi eccezionale e di una limitata elasticità della domanda rispetto a un contesto inflazionistico. Il punto di partenza del forte potere di determinazione dei prezzi del settore è rappresentato dagli elevati margini lordi, che non solo sono stabili ma per alcune società addirittura in crescita, nonostante l'aumento dell'inflazione, in quanto esercitano il proprio potere di anticipare i prezzi rispetto all'inflazione. I recenti risultati hanno ampiamente dimostrato che gli scambi rimangono solidi e che i margini di profitto si stanno dimostrando particolarmente resilienti. Nel complesso, nonostante le difficili condizioni di mercato attuali, riteniamo che le prospettive per il settore del lusso rimangano rosee".
"I consumatori desiderano fortemente ritornare a una vita pre Covid ed è per questo che le esperienze stanno registrando un forte recupero, con i viaggi e la ricettività, i vini, i liquori e le aziende di cosmetica e cura della pelle che ne sono i primi beneficiari, insieme alla moda, poiché i consumatori stanno rinnovando il proprio guardaroba dopo due anni", ha sottolineato ancora Ramachandran, che ha poi proseguito: "L'attrattiva dei marchi di lusso per i consumatori più giovani sta crescendo in questo periodo di inflazione, grazie al valore di rivendita ben visibile di molti marchi di prestigio, cosa che li porta a essere considerati come "investimenti" di lunga durata, anziché come acquisti occasionali; ciò si collega anche alle crescenti preoccupazioni in ambito di sostenibilità. Durante la pandemia molti brand del lusso, che in precedenza erano stati scettici nei confronti delle vendite online per paura di perdere la propria "esclusività", hanno abbracciato questo canale come fonte di crescita durante i periodi di chiusura dei negozi. Ciò ha permesso loro di estendere il proprio raggio d'azione a nuove fasce di consumatori del lusso, molti dei quali si stanno dimostrando dei consumatori abituali e fedeli”.
L'Investment Director, Luxury Brands Equities di GAM, ha poi messo in luce come i consumatori statunitensi rappresentino al momento il principale motore della spesa nel settore del lusso: “Il timore principale è che le pressioni inflazionistiche portino a un forte calo della spesa in quello che è stato un mercato dinamico per i brand di lusso. Se da un lato ci aspettiamo una graduale normalizzazione degli elevati tassi di crescita statunitensi per il settore in aggregato, dall'altro i titoli del lusso sembrano prezzare un forte calo della domanda statunitense, cosa che riteniamo improbabile, considerando i fattori strutturali sulla scorta dell'espansione della base dei consumatori statunitensi: più giovane, più eterogenea, con una maggiore quota maschile in ingresso, con più consumatori attratti da capi di lunga durata piuttosto che dal fast fashion. Questa, in effetti, rappresenta una delle lezioni indelebili della pandemia, ovvero che il settore del lusso può contare su consumatori che vanno ben oltre gli stereotipi di cui si parla in tutto il mondo. Più di recente, i consumatori del Sud Est asiatico sono stati riconosciuti come una forte fonte di domanda da parte delle aziende del lusso”.
I brand di lusso collaborano sempre più di frequente con celebrità esterne al mondo della moda, per incrementare il proprio appeal nei confronti di una generazione più giovane di consumatori. Virgil Abloh, lo stilista di moda maschile di Louis Vuitton che è venuto a mancare, è un esempio del successo che questo modello può avere per i brand. Tuttavia, tale modello non è privo di rischi. Più recentemente, abbiamo visto come il marchio di abbigliamento sportivo Adidas sia stato influenzato negativamente dalla sua forte dipendenza dal franchise Yeezy, sviluppato in collaborazione con il musicista Kanye West, collaborazione ora interrotta. Adidas è stata costretta a interrompere bruscamente la produzione della linea Yeezy, con un costo significativo sia per la sua reputazione (per la percezione di non aver agito prima) sia per i suoi profitti. Sebbene gli ESG siano spesso considerati come un "nice to have" negli investimenti, non c'è esempio più chiaro di questo del perché gli ESG siano assolutamente importanti quando si investe in brand orientati ai consumatori”, ha spiegato ancora Ramachandran.
L'esperta di GAM Investments ha inoltre aggiunto: “La pandemia ha visto i consumatori modificare in maniera significativa i propri comportamenti di spesa: è naturale che, trascorrendo più tempo a casa, settori come l'arredamento e l'elettronica domestica ne abbiano beneficiato più della moda, che ha sofferto per la mancanza di occasioni ed eventi. Al momento stiamo assistendo al ribaltamento di alcuni di questi comportamenti, in quanto i consumatori riprendono le abitudini che avevano prima della pandemia, con una particolare impennata in settori come quello dei viaggi, in cui si sta recuperando il tempo perduto. A parte questi mutamenti, il settore del lusso nel suo complesso ha beneficiato del fatto che i consumatori continuano a "comprare meno e comprare meglio”".
Uno dei maggiori catalizzatori del riavvicinamento dei consumatori europei al lusso, dopo la pandemia, è stata la continua trasformazione digitale delle abitudini di acquisto, come ha ancora spiegato Ramachandran: “In soli 10 mesi del 2020 si è verificata una penetrazione dell'e-commerce pari a quasi dieci anni e i consumatori si sono trovati sempre più a proprio agio nel comprare online articoli costosi. Il settore del lusso ha adattato la sua "selling ceremony" e la teatralità propria del negozio al mondo online, facendo uso di tecniche di live streaming e convertendo gli addetti alle vendite nei negozi in operatori digitali che stabiliscono relazioni individuali con i clienti. Inoltre, siamo convinti che il metaverso avrà un impatto sui marchi del lusso e sul retail più in generale. Vi sono due aree interessanti per il retail: lo sviluppo del mercato dei beni "virtuali", oltre a una brand experience più coinvolgente e l'impatto sulle vendite di beni fisici. Gucci, ad esempio, ha lanciato uno store virtuale sulla piattaforma Roblox e ha registrato 20 milioni di visitatori; l'esperienza è molto più coinvolgente di una pagina Facebook o di un breve videoclip".
A detta dell'esperta di GAM Investments, durante il periodo estivo l'Europa ha evidentemente beneficiato in misura maggiore del turismo dagli Stati Uniti e della relativa spesa nella regione; anche la Cina ha registrato una ripresa progressiva del turismo interno rispetto al secondo trimestre, con la riapertura di Shanghai, anche se alcune regioni della Cina (Chengdu, Hainan) continuano a sperimentare una riapertura intermittente con lockdown periodici dovuti al Covid. "La spesa interna statunitense sembra essersi attenuata rispetto ai tassi molto elevati del primo semestre, in parte a causa dello shopping all’estero dei turisti statunitensi durante il periodo estivo, ma il dato relativo al gruppo di nazionalità statunitense è rimasto molto forte. Il recupero del turismo cinese è ancora lontano ed è improbabile che riprenda non prima della fine del 2023. Riteniamo che la ripresa del turismo in corso sia ampiamente positiva per la spesa nel lusso in generale”.
Sul tema dell’avanzamento digitale e dell’AI è poi intervenuto Mark Hawtin, Disruptive Strategist, Head of Growth Equities team di GAM. “I microchip sono la risorsa più critica del mondo, su cui hanno il predominio i produttori di Taiwan. L'attuazione del Chips Act statunitense è stata gradualmente avviata da quando Biden ha firmato la legge e si è già riflessa nella valutazione dei titoli dei semiconduttori sia in Asia che negli Stati Uniti. Poiché l'Asia detiene ancora l'80% della produzione globale di chip, è quasi impossibile che si verifichi un rapido cambiamento nella catena di fornitura globale dei semiconduttori. Tuttavia, l'intensificarsi dell'attuazione avrebbe un impatto sullo sviluppo high tech della Cina, come il 5G, l'AI e le smart city, mentre l'industria cinese dei semiconduttori sta recuperando terreno sui chip da oltre 10 nm e sulle richieste di chip più semplici. Nel caso in cui la Cina sia costretta a sviluppare i propri standard e chip, con il risultato di un disaccoppiamento tecnologico globale, l'incertezza è grande e l'esito è impossibile da prevedere. Ciò che è chiaro è che si tratta di una fuga di cervelli per i talenti statunitensi o per i talenti statunitensi formati dai cinesi”.
Hawtin ha inoltre evidenziato: “Con il percorso dei tassi d'interesse al rialzo, ma con una traiettoria e un’entità quanto mai incerte, gli asset di crescita a lunga duration continuano a essere segnati al ribasso. Tuttavia, in molti casi i fondamentali non sono cambiati e in effetti, in aggregato, le aspettative di vendita per le azioni globali sembrano essere leggermente diminuite ma non di molto nell'ultimo anno. Riteniamo che in questo momento la price action delle azioni e le valutazioni abbiano fatto molto per riflettere il rischio di un calo degli utili che potrebbe essere previsto da una recessione in corso. E notiamo che un simile scenario ha presentato opportunità nei cicli passati. Alla luce di ciò, riteniamo che il mercato stia valutando in modo errato le opportunità che si presentano in questo momento. Ci saranno alcune aree del mercato che vedranno tagli significativi ai ricavi e agli utili a causa del rallentamento dell'economia. I beni di consumo discrezionali potrebbero essere un buon esempio, in quanto i consumatori che avevano accumulato liquidità e si trovavano in una situazione di domanda repressa nella fase post-pandemica ora iniziano a ritirarsi. Tuttavia, ci sono poche prove che i trend di crescita dirompenti siano stati colpiti e, anzi, le pressioni salariali e le preoccupazioni economiche potrebbero riorientare le aziende sulla linea dei costi, consentendo un'accelerazione nell'adozione di tecnologie dirompenti".
Il Disruptive Strategist, Head of Growth Equities team di GAM, ha anche messo in luce come il metaverso sarà un'estensione naturale dell'esistente realtà online che viviamo ogni giorno. "Trovare una definizione è difficile, ma in fondo il metaverso è un mondo virtuale in cui un gran numero di persone si riunisce per giocare, lavorare o socializzare, il che significa che ha applicazioni praticamente ovunque. Questo ha creato grandi opportunità per creare la prossima ondata di innovazione. Riteniamo che questo fenomeno favorirà sia nuove opportunità di ricavi sia l'aumento della produttività in molti settori, quali la vendita al dettaglio attraverso i vStore, produzione e progettazione nell'industria, analisi 3D, demo di prodotti, tour virtuali; questi sono solo alcuni esempi di aree che probabilmente saranno altamente potenziate. McKinsey stima che il metaverso rappresenti un'opportunità da 5.000 miliardi di dollari a livello globale".
Un altro settore in cui il metaverso giocherà un ruolo importante è quello della progettazione e della produzione. Boeing ha annunciato che sta creando un mondo digitale basato sulla realtà virtuale e aumentata per concepire il suo prossimo aereo. L'obiettivo è quello di "unificare i processi di progettazione". Secondo il suo ingegnere capo, Greg Hyslop, il 70% dei problemi di qualità sono riconducibili al processo di progettazione. Creando un ambiente immersivo in 3D, abbinato a robot che parlano tra loro e a meccanici collegati da cuffie HaloLens di Microsoft da 3.500 dollari, sarà possibile, a suo avviso, snellire e migliorare notevolmente il processo", ha concluso Hawtin.
Jian Shi Cortesi, Investment Director, Asia/China Equities, ha invece fatto il punto sulla situazione in Cina, dalla politica zero Covid al settore immobiliare: "Il Governo cinese si trova di fronte a un compromesso tra i decessi causati dal Covid e il rallentamento dell'economia. Grazie al successo delle misure di contenimento adottate in Cina negli ultimi due anni, meno dello 0,1% dei cinesi è stato infettato dal Covid e la Cina ha registrato soltanto poche migliaia di decessi (rispetto a 1 milione registrato negli Usa). Ciò probabilmente rende la popolazione cinese altamente vulnerabile al Covid rispetto ai Paesi che stanno raggiungendo l'immunità di gregge. Il segmento più vulnerabile della popolazione cinese non è propenso a farsi vaccinare. Solo il 60% delle persone di età superiore ai 60 anni ha ricevuto un richiamo, il che significa che 100 milioni di anziani in Cina non sono vaccinati. Non è probabile che si assisterà a un cambiamento immediato della politica cinese di zero Covid. Tuttavia, vediamo che le restrizioni sono sempre più pratiche. I lockdown generalizzati sono ora più rari. Si assiste invece a chiusure più mirate, ad esempio in blocchi di edifici o aree residenziali per alcuni giorni, al fine di bilanciare le restrizioni Covid e l'impatto economico".
Cortesi ha inoltre aggiunto: “Guardando agli scambi commerciali tra le due maggiori economie mondiali, gli investitori temevano che il governo cinese prendesse di mira sia le aziende cinesi sia quelle internazionali. Tuttavia, da quando è iniziata la guerra commerciale tra Stati Uniti e Cina nel 2018, la Cina ha evitato di mettere in atto ritorsioni contro alcune aziende statunitensi. Da allora, abbiamo visto Tesla costruire una fabbrica a Shanghai. Starbucks dispone di 6.000 negozi in Cina. General Motors vende più auto in Cina che negli Stati Uniti e non abbiamo assistito a misure contro queste aziende e a favore di quelle cinesi. Nel complesso, l'enfasi è ancora sull'attrazione di capitali esteri e sulla maggiore apertura alle imprese internazionali".
Cortesi ha poi posto l'accento sulla questione del settore immobiliare e dei pericoli derivanti dal debito in sofferenza: "Tra il 2010 e il 2020 il mercato immobiliare in Cina era solido, con prezzi in aumento del 60% nelle principali 70 città del Paese. Ciò ha portato alcuni acquirenti di case a lamentarsi dell'accessibilità economica degli immobili e il Governo si è preoccupato che ciò potesse portare a una bolla immobiliare. Di conseguenza, nel 2020 e nel 2021, alcune città in Cina hanno inasprito le regole per l’acquisto di un’abitazione nel tentativo di raffreddare il mercato immobiliare. Nel contempo, il Governo ha ordinato alle banche di rafforzare i criteri di erogazione dei prestiti alle società di sviluppo immobiliare fortemente indebitate. L’insieme di tali provvedimenti ha creato qualche problema di liquidità alle società di sviluppo immobiliare ad alto rischio, che, in qualche caso, sono risultate insolventi”.
"I costruttori in difficoltà hanno interrotto la realizzazione di alcuni progetti. Il sentiment è diventato piuttosto negativo per il settore, con conseguente inasprimento delle condizioni finanziarie. Anche gli acquirenti di case sono cauti riguardo alle prospettive dei prezzi degli immobili e sono diventati meno ansiosi di acquistare abitazioni, il che potrebbe portare a un ulteriore deterioramento del settore. Questi rischi, se non controllati, potrebbero ripercuotersi sull'intero settore finanziario. Per stabilizzare la situazione immobiliare abbiamo assistito a politiche di sostegno sempre più incisive", ha spiegato Cortesi, che ha poi proseguito: “Pertanto, vediamo una probabilità molto bassa che il rallentamento del settore immobiliare porti a rischi sistematici nel sistema finanziario cinese. Tuttavia, è probabile che gli anni del boom del settore immobiliare siano ormai alle spalle. Secondo alcuni esperti, le vendite annuali di nuove case dovrebbero scendere a 1/1,2 miliardi di mq nei prossimi anni, rispetto agli 1,6 miliardi di mq del 2021. Ciò costituirà un freno al tasso di crescita del Pil. La sottoscrizione dei mutui in Cina è relativamente conservativa. Gli acquirenti di una prima casa di solito pagano un acconto minimo del 20/30%, mentre agli acquirenti di una seconda casa viene generalmente richiesto un anticipo del 40/70% del valore dell'immobile. Non esistono mutui subprime. Di conseguenza, le famiglie cinesi non sono eccessivamente indebitate e il loro reddito è in crescita. A nostro avviso, ciò fornisce un sostanziale cuscinetto per il rimborso dei mutui in essere".
Niall Gallagher, Head of European Equities di GAM, ha infine analizzato le prospettive per l’Europa alle prese con la crisi energetica, ma anche le opportunità che si presentano: “Riteniamo che la decarbonizzazione e la transizione energetica comporteranno un aumento dei costi energetici per il sistema energetico globale. La crisi tra Russia e Ucraina ha evidenziato un particolare rischio a cui è esposta l'Europa e il fatto che l'energia decarbonizzata sarà molto più costosa nel medio termine. Riteniamo che ciò comporterà un fabbisogno di investimenti molto elevato e sottostimato".
Questo scenario, secondo Gallagher, presenta diverse opportunità di investimento: "L'energia europea è molto economica rispetto ai livelli storici. I rendimenti del free cash flow sui prezzi attuali dell'energia sono superiori al 20%. Beneficiano enormemente dei prezzi strutturalmente elevati del petrolio e del gas, degli elevati margini di raffinazione e della volatilità dei prezzi dell'energia. Le società del settore energia del futuro sono quelle che operano nel settore delle rinnovabili e delle basse emissioni di carbonio. Per il settore industriale è necessario invece effettuare investimenti nelle infrastrutture e nell'elettrificazione per raggiungere la decarbonizzazione e la transizione verso emissioni zero. Ciò significa che sono necessarie nuove infrastrutture e sistemi energetici, nonché investimenti in aree come gli edifici residenziali e commerciali che devono essere decarbonizzati. Infine, per quanto riguarda i materiali, la transizione energetica richiede un maggiore utilizzo delle risorse naturali fisiche, con una conseguente continua e forte domanda di materie prime di base e di industrie correlate".
Gallagher ha anche illustrato come il mercato europeo stia trattando al di sotto del rapporto tra prezzi e utili medio di lungo periodo, nonostante le aspettative di consenso sugli utili rimangano positive e in crescita. "Riteniamo che vi siano quattro motivi principali per mantenere una visione più contrarian. Le società europee sono principalmente globali e non esclusivamente europee, con oltre il 5% dei ricavi provenienti da paesi extraeuropei per il mercato nel suo complesso. Pertanto, sebbene la situazione macroeconomica europea sia importante, le azioni europee sono più sensibili a ciò che accade nel resto del mondo, dove la crescita del Pil nominale rimane elevata a livello globale e, soprattutto, negli Stati Uniti. In secondo luogo, la forza del dollaro Usa è ai massimi storici e crea vantaggi sia traslazionali che transazionali per le società europee. A nostro avviso, questi vantaggi sono attualmente sottovalutati dai mercati. Inoltre, alcuni settori si trovano in un ciclo di aumento degli utili molto forte, in particolare i titoli finanziari, i titoli energetici, la trasformazione digitale e i beni di lusso, guidato da cambiamenti strutturali a lungo termine come la decarbonizzazione, l’ascesa della classe media asiatica e una nuova era di reflazione. Infine, la crescita della domanda sottostante in Europa è stata molto positiva fino al 2022 e si è deteriorata in modo significativo solo come conseguenza diretta dello shock dei prezzi dell'energia derivante dalla crisi tra Russia e Ucraina. Se non si fosse verificata questa invasione, probabilmente i prezzi dell'energia sarebbero aumentati, ma non in misura sufficiente per invertire il forte slancio economico. La domanda rimane robusta per la maggior parte del mercato; quindi, qualsiasi risoluzione del conflitto eliminerebbe i venti contrari che sono stati creati".
Nel contesto del forte aumento dei rendimenti obbligazionari e delle aspettative crescenti di rialzo dei tassi, siamo rimasti sorpresi di non vedere una performance più forte da parte del settore bancario europeo, il che suggerisce che gli operatori di mercato sono più preoccupati del rischio di aumento delle perdite sui prestiti a causa della recessione che del beneficio in termini di redditività derivante dall'aumento dei tassi di interesse", ha affermato ancora l'esperto di GAM Investments, che ha infine concluso: "A nostro avviso, il mercato sta sottovalutando in modo significativo l'aumento degli utili derivante dall'aumento dei tassi d'interesse e sovrastimando il rischio di un aumento delle perdite sui prestiti dovuto alla recessione. Riteniamo che la significativa riduzione della leva finanziaria in Europa negli ultimi 15 anni e gli standard di credito molto più rigidi rispetto ai cicli precedenti porteranno a un basso livello di perdite sui prestiti rispetto ai cicli precedenti. Tuttavia, potrebbe essere necessario un aumento sostenuto degli utili del settore per convincere gli operatori di mercato, ossia potrebbe essere necessario attraversare una recessione prima che il mercato ritenga che le banche siano più solide".
© 2022 Mondo Alternative - Riproduzione riservata
CERCA NOTIZIE
L'esperto dice Cerca nel titolo,nel testo o fra gli autori Criteri di ricerca Tutte le parole Qualunque parola Frase esatta
REPORT
N. 223
Ottobre
2022
MONDOINVESTOR
VERSIONE ITALIANA

MondoInvestor è un mensile in abbonamento che prevede 11 numeri all’anno e racconta l’evoluzione del mercato dell'asset management per gli investitori professionali
Dossier Tematici Ottobre
DOSSIER TEMATICI OTTOBRE

Il Dossier offre una fotografia del mercato dei fondi Fixed Income
Liquid Alternative
3rd Quarter 2022 Update

LIQUID ALTERNATIVE FUND

Il Report sintetizza l’andamento trimestrale del mercato dei fondi liquid alternative ed è scaricabile sull'area di download per tutti gli abbonati al sito.



Dossier Fondi Esg
DOSSIER FONDI Esg
Il dossier offre una fotografia del mercato dei fondi Esg

ARE YOU A
HEDGE FUND
MANAGER?


Do you want to add/ remove your hedge fund
to / from our database?

Please click here
to learn how

Le foto riprodotte in questo sito provengono in prevalenza da Internet e sono pertanto ritenute di dominio pubblico. Gli autori delle immagini o i soggetti coinvolti possono in ogni momento chiederne la rimozione, scrivendo al seguente indirizzo di posta elettronica info@mondoinvestor.com
copyright 2004- 2022 - MondoInvestor S.r.l. -Sede Legale ed Uffici: Via Gustavo Fara, 9 - 20124 Milano
Cap.Soc. €100.000 i.v.- Milano Reg.Imp.N° 13228870153 REA N° 1631083 - C.F. e P.I.13228870153