LO STATO DELL'INTEGRAZIONE ESG NEL MERCATO EUROPEO DEI FONDI I risultati dell'edizione 2023 del Barometro ESG di MainStreet Partners
02/02/2023 In Primo Piano

A che punto è l'integrazione dei fattori ESG nel mercato europeo dei fondi? A rispondere a tale domanda, ci ha pensato l'edizione 2023 del Barometro ESG di MainStreet Partners, società specializzata in ESG Advisory e Portfolio Analytics. Il Barometro ESG fornisce un quadro chiaro dell'analisi della ricerca ESG in un ampio universo di fondi ed esamina la classificazione SFDR e i recenti dati dello European ESG Template (EET). Inoltre, esplora le strategie ESG e sostenibili per classe e sottoclasse di attività e dimensione degli asset manager. Questo rapporto annuale dettagliato è il risultato dell'analisi condotta dal Fund Research Team di MainStreet Partners, che attinge al suo database ESG proprietario composto da oltre 5.800 fondi/Etf e più di 64.000 ISIN individuali, che coprono oltre 300 asset managers per un patrimonio totale di 4,4 trilioni di euro.

Dall'edizione 2023 è risultato, in particolare:

1) molti fondi che godono dello status di Articolo 9 ai sensi della SFDR non sono ancora in grado di garantire la necessaria attenzione alla sostenibilità:

- analizzando i dati EET, MainStreet Partners ha scoperto che oltre il 90% non aveva o non rendeva noti gli obiettivi di carattere ambientale;

- circa un terzo dei fondi Articolo 9 ha dichiarato una percentuale minima di investimenti sostenibili pari o inferiore al 30%;

- nel complesso l'analisi evidenzia che i dati EET sono ancora poco affidabili e MainStreet Partners afferma di aspettarsi un miglioramento significativo della quantità e della qualità dei dati EET nei prossimi mesi.

2) c'è stato un chiaro spostamento dei fondi dallo status di Articolo 6 a quello di Articolo 8, come conseguenza del fatto che gli asset manager hanno modificato il loro approccio ESG al processo, alla divulgazione e alla classificazione normativa. Nel complesso, il numero e la percentuale di fondi Articolo 9 nell'universo dei prodotti analizzati da MainStreet Partners sono rimasti costanti, mentre si è verificato un chiaro passaggio dall'Articolo 6 all'Articolo 8 (Articolo 6: 75% nel 2021 vs 50% nel 2022).

3) gli asset manager medio/grandi continuano a ottenere punteggi leggermente superiori nelle valutazioni ESG (in media) rispetto ai gestori di patrimoni più piccoli/boutique:

- nell'ambito dell'analisi, gli asset manager che si sono trovati ad affrontare problemi di greenwashing, di gestione del rischio e di compliance sono stati penalizzati nel loro rating ESG. I parametri Credibilità istituzionale e Reputazione sono stati i punti più deboli di questi gestori;

- in modo particolare, comunque, la differenza tra i gestori più grandi e quelli più piccoli si è ridotta nell'ultimo anno.

4) i fondi dei mercati emergenti sono svantaggiati rispetto ai loro omologhi dei mercati sviluppati e hanno costantemente ottenuto punteggi inferiori nei rating ESG (~10% in meno per i fondi degli Articoli 8 e 9):

- ciò è dovuto certamente al fatto che le società incluse nei portafogli hanno ricevuto valutazioni ESG inferiori rispetto a quelle dei mercati più sviluppati;

- tuttavia, la mancanza in generale di dati e di informazioni provenienti dalle regioni dei mercati emergenti rende l'analisi ESG generalmente più difficile. Se i requisiti sempre più stringenti da parte delle Autorità di regolamentazione in materia di dati e divulgazione superano i miglioramenti apportati dalle società che operano in queste regioni, secondo MainStreet Partners potremmo assistere al persistere o addirittura all'aggravarsi di questa tendenza.

"La nuova normativa europea sugli investimenti sostenibili ha creato una rivoluzione nel settore del Wealth and Asset Management e le comunicazioni ESG sono ora le priorità dei Consigli di Amministrazione e dei Comitati Esecutivi", ha affermato Simone Gallo, Managing Director di MainStreet Partners. "Tuttavia, sul mercato regna una notevole confusione su cosa si intenda per fondo sostenibile e su come evitare il rischio di greenwashing in un'enorme offerta di nuovi prodotti commercializzati come ESG, Impact o sostenibili. Per questi motivi continuiamo a registrare un numero crescente di investitori in Europa e in Asia che richiedono o desiderano rating ESG coerenti e di facile comprensione che vadano oltre la semplice aggregazione bottom up dei rating ESG delle partecipazioni per fornire una due diligence ESG olistica e indipendente", ha concluso Gallo.

L'edizione 2023 del Barometro ESG è disponibile cliccando qui.

© 2024 Mondo Alternative - Riproduzione riservata
CERCA NOTIZIE
In primo piano Cerca nel titolo,nel testo o fra gli autori Criteri di ricerca Tutte le parole Qualunque parola Frase esatta
REPORT
N. 242
Giugno
2024
MONDOINVESTOR
VERSIONE ITALIANA
MondoInvestor è un mensile in abbonamento che prevede 11 numeri all’anno e racconta l’evoluzione del mercato dell'asset management per gli investitori professionali
Dossier Fondi Private Market
DOSSIER  FONDI PRIVATE MARKET
Il Dossier offre una fotografia del mercato dei Fondi Private Market
Liquid Alternative
1st Quarter 2024 Update

LIQUID ALTERNATIVE FUND
Il Report sintetizza l’andamento trimestrale del mercato dei fondi liquid alternative ed è scaricabile sull'area di download per tutti gli abbonati al sito.



Dossier Fondi Equity

DOSSIER
FONDI EQUITY
Il dossier offre una fotografia del mercato dei Fondi Equity

ARE YOU A
HEDGE FUND
MANAGER?


Do you want to add/ remove your hedge fund
to / from our database?

Please click here
to learn how

Le foto riprodotte in questo sito provengono in prevalenza da Internet e sono pertanto ritenute di dominio pubblico. Gli autori delle immagini o i soggetti coinvolti possono in ogni momento chiederne la rimozione, scrivendo al seguente indirizzo di posta elettronica info@mondoinvestor.com
copyright 2004- 2023 - MondoInvestor S.r.l. -Sede Legale ed Uffici: Via Gustavo Fara, 9 - 20124 Milano
Cap.Soc. €100.000 i.v.- Milano Reg.Imp.N° 13228870153 REA N° 1631083 - C.F. e P.I.13228870153