I NODI FONDAMENTALI PER COMPRENDERE IL NUOVO ANNO Le view di M&G, Capital Group, PGIM FI e Credit Suisse alle Forecast Dinner di CFASI
13/02/2023 Redazione MondoAlternative
CFA Society Italy, la primaria Associazione no profit di riferimento in Italia per i professionisti della finanza con qualifica di Chartered Financial Analyst (CFA), ha inaugurato il 2023 con le Forecast Dinner, i tradizionali eventi annuali per presentare l’Outlook sui mercati finanziari per il 2023. A Milano presso il Four Seasons Hotel, che ha accolto oltre 250 ospiti, sono stati discussi gli scenari macroeconomici e i possibili sviluppi sui mercati finanziari per l’anno in corso. 
Giuliano Palumbo, CFA, Presidente di CFA Society Italy, ha aperto i lavori con un interrogativo: “Come prepararsi per il 2023? Rallentamento economico, deglobalizzazione e inflazione sono i nodi fondamentali per comprendere il nuovo anno. Insieme ad esperti di economia e mercati finanziari cogliamo l’opportunità di questo incontro per discutere di come affrontare le complesse sfide di quest’anno, dalle dinamiche di inflazione e di politica monetaria, al ciclo economico in Europa e ai temi geopolitici fino alle opportunità da cogliere sui mercati finanziari e molto altro”.
I relatori della tavola rotonda hanno poi evidenziato i propri punti di vista per il 2023. Michele Armanini, Managing Director Infracapital di M&G Investments, ha osservato: “Crisi energetica e aumento dei prezzi, esacerbati dalle tensioni geopolitiche in atto, evidenziano l’opportunità di una esposizione ad attività resilienti e sostenibili. Grazie alla loro natura difensiva, le infrastrutture europee si sono dimostrate particolarmente resilienti durante le turbolenze di mercato degli ultimi anni. Si tratta di un asset class tradizionalmente protetta dall'inflazione che offre rendimenti relativamente stabili nel tempo e una valida fonte di diversificazione. Trend macroeconomici di lungo termine, tra cui la necessità di accelerare la transizione verso un'economia a basse emissioni, digitalizzazione e progresso tecnologico sostengono un ambiente favorevole alle attività infrastrutturali in Europa e spiegano la forte crescita degli investimenti diretti degli investitori istituzionali in questo segmento di mercato".
"Molti titoli di aziende tradizionali ma solide che pagano dividendi si stanno rivelando opportunità di investimento interessanti in un contesto difficile. Per gli investitori, si tratta di un sottoinsieme di azioni particolarmente interessante perché potenzialmente in grado di generare rendimenti a lungo termine più elevati rispetto alle altre società che distribuiscono dividendi, e di farlo con una volatilità inferiore", ha invece evidenziato Christophe P. Braun, Equity Investment Director di Capital Group, che ha poi proseguito: "Questo vantaggio in termini di rischio/rendimento è dovuto ai loro fondamentali più solidi, ai bilanci sani, alla posizione competitiva e all'impegno degli azionisti. Oggi molte di queste società hanno livelli record di riserve, una buona base per i futuri pagamenti e la crescita costante dei dividendi. Troviamo opportunità di questo tipo in tutto lo spettro del mercato, ad esempio nei settori sanitario, energetico, informatico e alcuni finanziari. Per individuare tali società nel lungo periodo, non basta guardare solo ai titoli con i rendimenti da dividendo più elevati. È più che mai importante effettuare previsioni accurate per determinare la reale proiezione della crescita futura dei dividendi. Per questo motivo, una ricerca fondamentale completa è importante per valutare se una società è in grado di pagare e far crescere i dividendi nel tempo. Ci concentriamo su società la cui performance finanziaria e la disponibilità a restituire liquidità agli azionisti sono già state testate in varie condizioni economiche. Quelle che hanno la capacità di evitare un taglio o un calo della crescita del dividendo per azione sono, a mio avviso, ben posizionate per essere vincenti nel lungo periodo. La noia sta diventando un investimento "eccitante" a lungo termine per gli investitori".
Gabriel Doz, Portfolio Specialist di PGIM Fixed Income, dal canto suo, ha analizzato: "Dopo il riprezzamento dei tassi d'interesse e degli spread creditizi dello scorso anno, opportunità di rendimento sono chiaramente evidenti nei mercati del reddito fisso. Mutevoli condizioni macro a livello globale, tra cui i nuovi regimi di politica monetaria e i persistenti timori di una recessione, comportano non solo periodi di volatilità, ma anche numerose opportunità di valore relativo attraverso la rotazione settoriale e grazie alla ricerca bottom up sul credito. Riteniamo che all’orizzonte ci siano punti di ingresso interessanti nei mercati del credito e che gli investitori che guardano al reddito fisso dovrebbero essere ben posizionati per ottenere una forte performance a lungo termine in questa asset class".
Se i protagonisti del 2022 sono stati l’inflazione e le Banche centrali, l’attenzione per il 2023 si sposterà maggiormente sulla crescita. La crescita economica mondiale sta rallentando, con l’Europa in leggera recessione nella prima parte dell’anno e la riapertura della Cina che farà temporaneamente da supporto alla crescita mondiale. L’inflazione sta scendendo ma non raggiungerà il target del 2% né in Usa né in Europa nel 2023. A marzo la Fed finirà la fase di rialzo dei tassi con Fed funds al 5%, mentre la Bce andrà avanti fino a giugno e al 3,5%. Per l’inizio del ciclo di ribasso dei tassi bisognerà aspettare il 2024. Ci aspettiamo che per il 2023 la correlazione negativa tra asset class torni a funzionare. Il rallentamento di crescita e inflazione dovrebbe favorire un ritorno di interesse verso l’obbligazionario. Le valutazioni sull’azionario non sono attraenti dopo il recente rimbalzo e la crescita gli utili potrebbe riservare delle sorprese negative. Le opportunità da cogliere ci saranno, ma soprattutto nei mercati o nelle aree meno care (ad es. i mercati emergenti in questo momento)", ha infine concluso Anna Guglielmetti, Responsabile Gestioni Istituzionali Asset Management Italy di Credit Suisse. 
© 2024 Mondo Alternative - Riproduzione riservata
CERCA NOTIZIE
Origine notizia Cerca Notizie Criteri di ricerca Tutte le parole Qualunque parola Frase esatta
REPORT
N. 241
Maggio
2024
MONDOINVESTOR
VERSIONE ITALIANA
MondoInvestor è un mensile in abbonamento che prevede 11 numeri all’anno e racconta l’evoluzione del mercato dell'asset management per gli investitori professionali
Dossier Fondi Private Market
DOSSIER  FONDI PRIVATE MARKET
Il Dossier offre una fotografia del mercato dei Fondi Private Market
Liquid Alternative
1st Quarter 2024 Update

LIQUID ALTERNATIVE FUND
Il Report sintetizza l’andamento trimestrale del mercato dei fondi liquid alternative ed è scaricabile sull'area di download per tutti gli abbonati al sito.



Dossier Fondi ESG

DOSSIER
FONDI ESG
Il dossier offre una fotografia del mercato dei Fondi ESG

ARE YOU A
HEDGE FUND
MANAGER?


Do you want to add/ remove your hedge fund
to / from our database?

Please click here
to learn how

Le foto riprodotte in questo sito provengono in prevalenza da Internet e sono pertanto ritenute di dominio pubblico. Gli autori delle immagini o i soggetti coinvolti possono in ogni momento chiederne la rimozione, scrivendo al seguente indirizzo di posta elettronica info@mondoinvestor.com
copyright 2004- 2023 - MondoInvestor S.r.l. -Sede Legale ed Uffici: Via Gustavo Fara, 9 - 20124 Milano
Cap.Soc. €100.000 i.v.- Milano Reg.Imp.N° 13228870153 REA N° 1631083 - C.F. e P.I.13228870153